L’Intelligenza Artificiale ed i suoi ultimi passi

 -  -  10


 

L’Intelligenza Artificiale e’ una branca dell’informatica, che si occupa dello studio e della realizzazione di dispositivi hardware o software atti a compiere azioni, comunemente considerate eseguibili esclusivamente da esseri umani. Spesso l’Intelligenza Artificiale viene indicata con la sigla IA, oppure con la sigla AI, dall’inglese Artificial Intelligence.

John McCarthy, inventore del termine “intelligenza artificiale”

La nascita della disciplina viene fatta risalire al 1956, quando nel New Hampshire, scienziati e ingegneri, iniziarono la realizzazione di una macchina che fosse in grado di simulare l’apprendimento e l’intelligenza umani. Le prime applicazioni nel campo industriale dell’IA, risalgono invece agli anni ottanta. In questi anni infatti alcuni programmi venivano utilizzati da diverse societa’, come ad esempio la Digital Equipment o la DuPont, per ottimizzare svariati processi produttivi. I risultati furono estremamente positivi, dato che le suddette aziende risparmiarono diverse decine di milioni di dollari all’anno.

Oggi, la ricerca nel campo dell’IA e’ molto forte ed in continuo sviluppo, e sono gia’ stati raggiunti risultati che prima d’ora erano considerati solo fantascienza. Sono molteplici anche i dibattitti filosofici, che intendono analizzare gli aspetti etici e le possibilita’ dell’Intelligenza Artificiale. Lo scopo di questo articolo, e’ quello di far conoscere ai lettori alcuni dei piu’ moderni ed efficienti esempi di IA.

La hanson robotics ed il robot sophia

il robot Sophia

Il robot Sophia e’ stato realizzato dal dottor David Hanson, fondatore della societa’ Hanson Robotics. Sophia rispecchia tutte le caratteristiche che la fantascienza ha attribuito ai robot. Ha infatti sembianze umane, in particolare e’ stata realizzata per essere molto simile a Audrey Hepburn. Cio’ che la rende particolarmente interessante, e’ la sua capacita’ di intrattenere discorsi più o meno complessi, siano essi di carattere politico, religioso, o scientifico. Lei stessa afferma di voler apprendere la maggiore quantita’ di informazioni possibile sul comportamento degli esseri umani, comprese le espressioni facciali che indicano le diverse emozioni. E’ inoltre in grado di giocare a sasso carta forbice, e ovviamente di battere in ogni partita un qualsiasi avversario umano.

 

 

gOOGLE DEEPMIND

un data center

DeepMind, fondato nel 2010 e acquisito nel 2014 da Google, e’ leader mondiale nel campo della ricerca sull’IA. Nel settore sanitario, DeepMind ha prodotto e continua la ricerca su strumenti in grado di fornire autonomamente e in tempi brevi accurate diagnosi dei pazienti, eliminando la lentezza e i possibili errori umani nello svolgimento di queste azioni. Inoltre, e’ in grado di riconoscere il peggioramento delle condizioni di un paziente, e comunicarlo al personale ospedaliero. Gli infermieri e i dottori che hanno collaborato con DeepMind, hanno affermato che esso fosse stato di grande aiuto nel risparmiare tempo, prevenire possibili errori, ed alleviare il peso del lavoro svolto dal personale umano. Inoltre, la stessa societa’ ha fornito la tecnologia necessaria a Google per ottimizzare l’utilizzo dell’energia elettrica nei sistemi di raffreddamento dei data center. Il consumo e’ stato ridotto circa del 40 %.

il gioco Go

Oltre a queste ed altre applicazioni pratiche, la societa’ svolge una forte ricerca nel suo campo, ed ha prodotto software come AlphaGo, DQN, o DNC. Ricordando al lettore che Go e’ un antico gioco cinese, AlphaGo e’ stato il primo software in grado di battere un esperto umano di questo gioco. DeepMind afferma inoltre di volersi fare garante del rispetto dei canoni etici e di sicurezza, nella realizzazione di tecnologie artificialmente intelligenti.

il robot xiao yi

Xiao Yi e’ un robot realizzato grazie alla collaborazione tra l’azienda iFlyTek e l’Universita’ Tsinghua di Pechino. Questo robot ha superato con 456 punti, 96 oltre il minimo richiesto, il test per diventare medico in Cina. Con sembianze vagamente umane, e uno schermo al posto del torace, il robot lavorera’ affianco agli altri medici. Le sue mansioni, saranno l’analisi delle condizioni dei pazienti e delle loro diagnosi.

 

la ricerca  nel settore automobilistico

Parte dell’innovazione portata da alcune auto sta nell’utilizzo di sistemi artificialmente intelligenti in grado di garantire una grande sicurezza durante la guida. In aggiunta ai gia’ conosciuti sistemi di frenata autonoma dell’auto in caso di percezione di pericoli, esistono alcune auto in grado di “guidarsi da sole”. La ricerca in questo campo e’ stata svolta soprattutto dalle due aziende Audi e Tesla. I risultati piu’ concreti sono stati riportati dall’azienda Tesla:

 

 

Mostriamo anche l’Audi A7 Jack, con auto-pilota in autostrada:

 

la sfida tra valentino rossi e la yamaha motobot 2

Anche nel mondo delle moto da strada, viene compiuta ricerca per sistemi artificialmente intelligenti in grado di rendere i veicoli capaci di guida autonoma. La Yamaha e’ un esempio lampante di cio’, e quale modo migliore di testare il veicolo, se non farlo correre contro un vero esperto di motociclismo?

 

 

10 voto/i
comments icon 0 commenti
0 notes
127 visite
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *