Un po’ per caso, un po’ controvoglia – VII

 -  -  7


Un po’ per caso, un po’ controvoglia. – VII
Una raccolta di titubanti poesie, una manciata di parole e punteggiatura sull’amore e altri inconvenienti.

Davanti ad un quadro;

Quanti pensieri
in quegli occhi di stagno
immobili e vivi.
Ne avverto l’eco,
e’ un sospiro trattenuto appena.
Dall’oscurita’ che ti racchiude
emergi lentamente.
Nel silenzio di pietra
nero e denso,
in veli rosa
che paiono nuvole d’alba.
Quanto a lungo ho scrutato quei pensieri.
Ne ho udito il suono
come di ruscello
e assaporato l’odore
come di foresta.

7 voto/i
comments icon 0 commenti
0 notes
116 visite
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *