Mar Morto

 -  -  10


Il mare fa paura
Anche alle stelle,
Che sono sempre meno,
Ogni tramonto piu’ insicure.

E quando non c’e’ la luna
A nasconderle
Sono in poche,
Si contano sulla punta delle dita
Quelle che trovano
Il coraggio di tuffarsi nell’abisso
Ogni sera piu’ scuro .

E scopro
il mio ruggito
piu’ forte
Del flebile vagito
Di dolore delle onde ,
E con le dita sotto
La sabbia fredda
Cerco un po’ di vita
Nelle pulci di mare;
Mi guardo dal lasciare
Niente piu’ che
ombre
Dei miei passi
Incerti sulla spiaggia .

mi curo
Di non appesantire le orme
Per dare alla marea
Voragini da riempire,
Ha gia’ abbastanza sabbia
Da dissetare
E levigare
La spuma bianca
Del titano morente.

Per non soccombere
Insieme al mare
Osservando le scaglie
Verdi e trasparenti
Di morte flessibile
Sparse sulla spiaggia
E nell’acqua,

Mi diverto invece
A scambiare
Una coppia diamanti per
Un pezzo di tronco arenato
Intrecciato su se stesso
Ed un’arbusto per la bara
Di un vecchio pescatore ;

Che’ senza le nuvole
C’e’ il buio a riempire
Il vuoto del mio sguardo
Vagante per il lungomare.

10 voto/i
comments icon 0 commenti
0 notes
117 visite
bookmark icon

Write a comment...

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.